Il portale della musica Heavy Metal

www.holymetal.com
 
 
sei in Home » Recensioni » Wine Spirit - "Three Of A Kind" (CAMA Records/***)
elenco recensioni

Wine Spirit - "Three Of A Kind" (CAMA Records/***)

Line up:

Il Conte: Voce, chitarra
El Guapo: Voce, basso
C.C. Nail: batteria, voce
 

voto:

7,5
 

recensione

Potenza, melodia e buona preparazione tecnica, sono questi i tre ingredienti principali che condiscono il sound Hard 'n' Heavy dei lombardi Wine Spirit, giunti al terzo full lenght col freschissimo "Three of a kind".
Per tranquillizzare chi li conosce da tempo, bisogna dire che nulla è cambiato nel trademark della band, ovvero pezzi semplici ma mai banali, accresciuti da riffs e solos infuocati e dalla personale voce del "Conte" Demurtas, quindi non mancano i soliti riferimenti Motorhediani nei pezzi più tirati tipo la speed song "You'll be mine" oppure giri più "americani" e maliziosi come nella traccia "Digital jail".
Dicevo mai banali ma soprattutto mai noiosi, non fossilizzandosi mai su un singolo schema metrico riuscito ma, cercando sempre la qualità in ogni singolo brano, esempio lampante ne è la splendida ballata "It ain't easy", con i suoi accordi acustici e un azzeccatissimo intermezzo di pianoforte.
Il disco in questione è zeppo di anthem che, eseguiti in sede live, vanno ad accrescere il potenziale, già esplosivo on stage, dell'act nostrano, infatti sembrano scritte apposta per questo scopo l'opener "Like a sinner", oppure la rockeggiante "Hanky Panky".
Per comprendere meglio questo trio di die-hard rockers basta dare un' occhiata al titolo, molto esplicativo per quanto riguarda la coesione tra i membri del gruppo che, come al solito sembrano trovarsi a meraviglia, essendo appunto "Tre della stessa pasta", fate caso alla solidissima sezione ritmica capitanata dal tonante C.C. Nail e dal pulsante basso del "Guapo", il quale ha dalla sua anche una buonissima dote vocale, specie se accostata a quella di Demurtas.
In definitiva una band veramente propositiva e qualitativamente elevata per un genere che non sempre è frequentato da musicisti provetti, confido caldamente negli Wine Spirit, e, seguendoli dal primo "Bombs away", devo ammettere che il gruppo non ha ancora concesso un passaggio a vuoto, anzi si sta confermando pienamente col nuovo "Three of a kind", speriamo anzi che riescano a ritagliarsi maggior visibilità nell'ambiente, dato che se la meriterebbero appieno.

Recensione di Alessio Aondio

tracklist

  1. Like a sinner
  2. Ink a deal
  3. You'll be mine
  4. The underarchiever
  5. First in darkness
  6. Digital jail
  7. It ain't easy
  8. Behind the eight ball
  9. Hanky Panky
  10. Ridin high
  11. The greedy king

Archivio Foto

 

Recensioni demo

Siamo alla ricerca di un nuovo addetto per la sezione DEMO, gli interessati possono contattare lo staff di Holy Metal, nel frattempo la sezione demo rimane temporaneamente chiusa.

Wofango Patacca

Segui le avventure di Wolfango Patacca il boia di holymetal.com