Il portale della musica Heavy Metal

www.holymetal.com
 
 
sei in Home » Recensioni » Elegy Of Madness - "The Bridge Of Sighs" (Sweet Poison records/Plastic Head)
elenco recensioni

Elegy Of Madness - "The Bridge Of Sighs" (Sweet Poison records/Plastic Head)

Line up:

Anja – Vocals
Tony – Guitars, Vocals
Ale – Bass
Marcello – Keyboard & Synth
Roby - Drums
 

voto:

6,5
 

recensione

Ambizioso progetto quello imbastito dagli Elegy Of Madness, gruppo di origine tarantina che con questo secondo capitolo in studio riprende il tema del distacco quotidiano precedentemente affrontato sul debutto autoprodotto “Another Path”. La musica degli Elegy Of Madness segue la scia di Epica e After Forever, proponendo su base gothic metal un approccio sinfonico-progressivo che consente alle canzoni di avere una struttura assai libera e variegata. Questo tipo di composizione da un lato rappresenta motivo di personalità e freschezza compositiva, ma d’altro canto penalizza la fruibilità dei brani stessi rendendo a tratti ostico l’ascolto globale dell’opera. Le capacità tecniche del quintetto sono indiscutibili, come dimostrano dinamismo ritmico e pregevoli scelte melodiche di chitarre e tastiere. Anche dal punto di vista vocale no possiamo che lodare l’operato prevalentemente d’impostazione lirica della cantante Anja, supportata nei frangenti più aggressivi dal growl non eccelso del chitarrista Tony. La partenza con l’omonima track risulta un discreto episodio gothic-prog dai risvolti sinfonici, vicino agli Epica, con l’inserimento di sporadici clavicembali che richiamano i primi Nightwish. Con la successiva “Voices” la band centra il primo bersaglio pieno grazie anche alla splendida performance vocale della sopraccitata singer, mentre in “Treshold”, le frequenti scorribande progressive appesantiscono il risultato finale. Dopo una “No Names” poco fluida nelle linee vocali il gruppo salentino si riscatta con le suggestioni orientaleggianti dell’ottima “Another Path” e la suite in due parti “Agony”. E’ naturale che al cospetto di un disco così vario e ricco di sperimentazioni, la perfezione sia ancora lontana tuttavia non possiamo riconoscere coraggio e qualità agli Elegy Of Madness, caratteristiche quest’ultime che favorite da una maggior esperienza e da una produzione ancor più professionale potranno portare risultati ancor più positivi in futuro.

Recensione di Teospire

tracklist

  1. Prelude
  2. Elegy Of Madness
  3. Voices
  4. Threshold
  5. No Names
  6. Another Path
  7. Agony Part I
  8. Whispers
  9. Agony Part II

Archivio Foto

 

Recensioni demo

Siamo alla ricerca di un nuovo addetto per la sezione DEMO, gli interessati possono contattare lo staff di Holy Metal, nel frattempo la sezione demo rimane temporaneamente chiusa.

Wofango Patacca

Segui le avventure di Wolfango Patacca il boia di holymetal.com