Il portale della musica Heavy Metal

www.holymetal.com
 
 
sei in Home » Recensioni » Ed Kowalczyk - "Alive" (Ear Music/Edel)
elenco recensioni

Ed Kowalczyk - "Alive" (Ear Music/Edel)

Line up:

N/D
 

voto:

8,5
 

recensione

“Alive” non è un titolo casuale per il primo disco di Ed Kowalczyk, un nome che probabilmente non a molti dirà qualcosa, ma che associato al nome dei Live comincia già ad avere un significato più comprensibile. La band aveva deciso nel 2009 di prendersi un paio d’anni di pausa per poter lavorare in serenità ad altri progetti e così ecco che il buon Ed se ne esce con un lavoro solista di pop rock gustoso ed intelligente. L’esperienza che il frontman si porta dietro non è da poco e di certo le qualità per saper scrivere buona musica non gli mancano, anche se di metal nei solchi virtuali di questo disco non ce n’è nemmeno l’ombra, questo va chiarito sin da subito. La particolare voce di Ed arricchisce i brani con un flavour moderno, anche se essi restano abbastanza legati alla tradizione del rock britannico anni ’70 (“Zion”) con puntate al pop/rock odierno (il singolone “Grace”, già in heavy rotation in diverse radio). La verità comunque è che “Alive” piace, e pure parecchio, essendo confezionato con stile e classe cristallina da un cantante assolutamente sopra le righe ed eclettico.
Se vi piace la musica a tutto tondo e non solo il riffing sfrenato e rumoroso (in senso buono, ovviamente) del metal, un po’ di sano rock a firma Ed Kowalczyk non potrà far altro che piacere, visto che non si tratta affatto di musica creata per mero gusto consumista. Il fatto che sia stato a luglio in posizioni piuttosto alte nella classifica Rock di Billboard non deve trarre in inganno perché, per una volta, la qualità di un’uscita discografica ha vinto sulle mere e becere logiche del commercio musicale.
In conclusione, “Alive” è un album completo, con canzoni più dure ed alcune più lente e ballabili, sempre in bilico tra rock e pop, ma con un equilibrio raro a trovarsi in uscite recenti, sempre troppo sbilanciate verso l’aspetto vendibile e quindi pop. Album consigliato a tutti, giusto per aprire la propria mente ad orizzonti più orecchiabili, ma non per questo necessariamente commerciali.

Recensione di Andrea "Thy Destroyer" Rodella

tracklist

  1. Drive
  2. The great beyond
  3. Grace
  4. Stand
  5. Drink (everlasting love)
  6. Zion
  7. In your light
  8. Just in time
  9. Rome
  10. Soul whispers
  11. Fire on the mountain

Archivio Foto

 

Recensioni demo

Siamo alla ricerca di un nuovo addetto per la sezione DEMO, gli interessati possono contattare lo staff di Holy Metal, nel frattempo la sezione demo rimane temporaneamente chiusa.

Wofango Patacca

Segui le avventure di Wolfango Patacca il boia di holymetal.com