Il portale della musica Heavy Metal

www.holymetal.com
 
 
 
sei in Home » Recensioni » Joyless Jokers - "Taste of Victory" (Selfprod/Selfprod)
elenco recensioni

Joyless Jokers - "Taste of Victory" (Selfprod/Selfprod)

Line up:

thomas girardello:: bass and vocal
rudy girardello: guitar
jader girardello: keyboards
michele brunetti:: guitar
matteo ioverno::: drums
 

voto:

7.5
 

recensione

Da Vicenza chi arriva “taste of Victory” ad opera dei Joyless Jokers; si tratta di un terremotante death metal, alle volte melodico, ricordano molto i Soilwork meno melodici e piu’ quadrati, con una voce, quella di Thomas Girardello che mette i brividi per cattiveria e forza d’impatto.
Otto tracce che si attestano tutte intorno ai quattro minuti, a voler significare quanto i ragazzi riescano a dire tutto e in maniera compiuta in pezzi brevi ed estremamente diretti; non ci sono fronzoli, non c’è voglia di piacere per forza al pubblico che mastica solo death melodico, o quello ancor piu’ modaiolo e becero del “metalcore”; qui la formula è una sola, QUALITA’!.
Tutto il mood del disco è uniforme, c’è una furia, una violenza che non genera caos ma un wall of sound di tutto rispetto e questo grazie ad una granitica sezione ritmica formata da Matteo Ioverno e dallo stesso Thomas che, oltre al microfono, si occupa delle parti di basso; ma non nominare anche i due chitarristi che fanno di ogni traccia una “perla” musciale sarebbe criminale, basti ascoltare i breaks e i solos di “murder” per capire quanta qualita’ e quantita’ sia presente in questo disco.
Sia in “Murder” sia in “Scream” la ciliegina sulla torta la mette Jader girardello che, con le sue tastiere, mai improntate alla facile melodia o al semplice riempitivo, ricama melodie e passaggi “electro” che spiccano all’orecchio dell’ascoltatore.
“Point” ricorda molto i Dark Tranquillity di Haven, o i Dark Tranquillity meno electro di “Character” dove la potenza e la forza delle chitarre li riporta ai primordi del genere; grande melodie ma anche granitici riffs a sostegno della lacerante rabbia di Thomas.
Non c’è un calo di ritmo, non c’è calo d’attenzione, la forza di questo cd è anche questa, compatti, quadrati, “focused”, completamente concentrati e convinti, difficile trovare trovare difetti anche in canzoni come “Whispers” o “Hopelss” dove il canovaccio viene seguito e rispettato, dove la band è un tutt0uno, dove volienza, rabbia, furia e melodia costituiscono anima corpo e sangue.
“I’ll watch” si concede in alcuni spunti piu’ melodici e aperti, come nel riff che spezza il pezzo o nei passaggi di synth che cercano di stemperare il clima plumbeo.
In definitiva questi Joyless Jokers li attendiamo volentieri a calcare i palchi anche dalle nostre parti per poter assaggiare dal vivo la forza terremotante di questi vicentini tanto scandinavi nei suoni, quanto italiani nella ricerca della melodia non fine a se’ stessa, ancora bravi!


Recensione di Lorenzo C.

tracklist

  1. 1. Rain
  2. 2. Murder
  3. 3. Scream
  4. 4. Point
  5. 5. Whispers
  6. 6. Hopeless
  7. 7. I’ll watch
  8. 8. Taste

MetalNation WebTV

 

Archivio Foto

 

Recensioni demo

Siamo alla ricerca di un nuovo addetto per la sezione DEMO, gli interessati possono contattare lo staff di Holy Metal, nel frattempo la sezione demo rimane temporaneamente chiusa.

Wofango Patacca

Segui le avventure di Wolfango Patacca il boia di holymetal.com